Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DECRETO-LEGGE 29 ottobre 2019, n. 126. Misure di straordinaria necessità ed urgenza in materia di reclutamento del personale scolastico e degli enti di ricerca e di abilitazione dei docenti.

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DECRETO LEGGE 29 ottobre 2019, n. 126.

Misure di straordinaria necessità ed urgenza in materia di reclutamento del personale scolastico e degli enti di ricerca e di abilitazione dei docenti.

In sintesi il testo del D.L. N. 126 del 29/10/2019 prevede:

  • Concorso straordinario e ordinario docenti. Al concorso straordinario possono partecipare anche i docenti delle scuole paritarie, al solo fine di conseguire l’abilitazione.
  • Scorrimento delle graduatorie concorsuali anche in altre regioni, su istanza dell’interessato.
  • Proroga delle graduatorie del concorso 2016 di un ulteriore anno.
  • Concorso pubblico, per titoli ed esami, per il reclutamento, a decorrere da gennaio 2021, di cinquantanove dirigenti tecnici.
  • Concorso per 11.263 posti di collaboratore scolastico. Non più un concorso per l’assunzione dal 1° gennaio 2020 di 11.263 lavoratori, ma una graduatoria per titoli e servizi, secondo le modalità previste per i concorsi provinciali per collaboratore scolastico di cui all’art. 554 del Decreto Legislativo 16 aprile 1884 n. 297.
  • Progressione all’area dei DSGA – direttori dei servizi generali e amministrativi del personale assistente amministrativo di ruolo che abbia svolto a tempo pieno le funzioni dell’area di destinazione per almeno tre interi anni scolastici a decorrere dal 2011/2012 e con il titolo di studio previsto per l’accesso (Laurea specialistica). Le graduatorie risultanti dalla procedura di cui al primo periodo, sono utilizzate in subordine a quelle del concorso di cui all’articolo 1, comma 605, della legge 27 dicembre 2017, n. 205.
  • Il personale ATA nonché i dirigenti scolastici, sono esclusi dalla rilevazione biometrica delle presenze.

Concorso straordinario e ordinario entro il 2019.

Il Miur è autorizzato a bandire entro il 2019, contestualmente al concorso ordinario per titoli ed esami una procedura straordinaria per titoli ed esami per docenti della scuola secondaria di primo e di secondo grado, finalizzata all’immissione in ruolo. La procedura e’ altresi’ finalizzata all’abilitazione all’insegnamento nella scuola secondaria.
Saranno messi a bando 24.000 posti su base nazionale, l’organizzazione sarà su base regionale.

Si formerà una graduatoria per classe di concorso e sostegno.

Requisiti di accesso

a) tre annualità di servizio tra l’anno scolastico 2011/2012 e l’anno scolastico 2018/2019, su posto comune o di sostegno, anche non consecutive;
b) almeno un anno di servizio nella specifica classe di concorso o nella tipologia di posto per la quale si concorre;
Per la partecipazione ai posti di sostegno e’ richiesto l’ulteriore requisito del possesso della relativa specializzazione.
Il servizio e’ preso in considerazione unicamente se prestato nelle scuole secondarie statali.
Il predetto servizio e’ considerato se prestato come insegnante di sostegno oppure in una classe di concorso compresa tra quelle di cui all’articolo 2 del decreto del Presidente della Repubblica 14 febbraio 2016, n. 19, e successive modificazioni, incluse le classi di concorso ad esse corrispondenti ai sensi del medesimo articolo.


Docenti delle paritarie

E’ altresi’ ammesso a partecipare alla procedura, unicamente ai fini dell’abilitazione all’insegnamento, chi e’ in possesso delle tre annualità di servizio, prestate presso le scuole paritarie del sistema nazionale di istruzione.
In questo la partecipazione alla procedura è unicamente per l’acquisizione dell’abilitazione.
Si può partecipare solo ad una procedura concorsuale.
Ciascun soggetto puo’ partecipare alla procedura in un’unica regione per il sostegno oppure, in alternativa, per una sola classe di concorso.
E’ consentita la partecipazione sia alla procedura straordinaria sia al concorso ordinario, anche per la medesima classe di concorso e tipologia di posto.


Gazzetta Ufficiale n. 255 del 30 ottobre 2019

G.U.R.I. N. 255

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •